Questo sito utilizza i cookie

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa cliccando su "Maggiori Informazioni".
Cliccando sul pulsante "Accetto" date il consenso all'utilizzo dei cookie.

+ - reset
int_inrete2.jpg

Aiutare chi soffre, come hanno fatto con me.

Stampa

Lavoro nel carcere di Trento. Ogni giorno cerco di costruire anche con gli agenti un rapporto di rispetto e amicizia in uno scambio reciproco di idee. Un giorno uno di loro mi confida un suo grande dolore: la nascita di una figlia down, con una seria malformazione cardiaca. Lo ascolto bene, e cerco di fare mio il suo dolore, le sue ansie. Gli esprimo la mia ammirazione per come ama la sua bambina e s’impegna ad affrontare la situazione. E lo incoraggio: la vita è sempre un dono e Dio, perché è amore, non ci abbandona.

Ogni giorno gli chiedo notizie. Dopo alcuni giorni mi fa sapere che nella stanza dell’ospedale dove è ricoverata sua figlia, ha conosciuta una giovane mamma con la sua figlioletta pure lei down. E’ disperata: il papà della bambina rifiuta la figlia ed, inoltre, i medici le hanno prospettato di trasferirla per cure in un’altra città. Lei non sa dove appoggiarsi per mancanza di disponibilità economica... ‘Io – continua l’agente – quando compero un panino e una coca per mia moglie, ne compero sempre altrettanto anche per lei. Sento che devo farlo per farle sentire  che le sono vicino’.

Procuro al mio amico agente dei numeri di telefono utili, prendo contatti con persone che possono aiutare…

Giorni dopo lui mi confida che come si è sentito sostenuto nel suo dolore, altrettanto vuole fare ora con gli altri.



Newsletter

Informativa privacy
Joomla : www.trentoardente.it

Il Dado dell'Amore

tira il dado


per costruirti il dado clicca sulla lingua desiderata e stampa l'immagine su un cartoncino leggero.

     Dado da colorare