Questo sito utilizza i cookie

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa cliccando su "Maggiori Informazioni".
Cliccando sul pulsante "Accetto" date il consenso all'utilizzo dei cookie.

+ - reset
int_gruppi.jpg

Genfest 2012

Oltre 12.000 giovani di un centinaio di Paesi, di diverse etnie, culture e religioni si ritrovano a Budapest mossi da un’idea che è già esperienza di vita e azione sociale: costruire un mondo unito e solidale. Altre decine di migliaia di giovani che non possono essere presenti, vivono in contemporanea l’evento, grazie a dirette televisive, internet streaming e social network.

Sono loro, tutti insieme, l’anima di Let’s bridge, la decima edizione del Genfest, un evento che, nato da un’intuizione profetica di Chiara Lubich (1920-2008), fondatrice del Movimento dei Focolari, dal 1973 ha attirato ogni volta decine di migliaia di giovani.

A 12 anni dall’ultima edizione, il Genfest 2012 ha un obiettivo preciso: essere piattaforma condivisa per la generazione di oggi, una generazione che vive in rete, che, nella sfida della globalizzazione, è cosciente delle potenzialità e anche dei drammi e dei conflitti presenti oggi nel mondo, una generazione dal futuro incerto, che sa mobilitarsi per mettere mano al cambiamento.

Il Genfest è punto di arrivo e punto di partenza per i giovani del Movimento dei Focolari: serve a chiedersi a che punto siamo nella costruzione di un mondo più fraterno. E domande e risposte sono poste coi linguaggi del confronto sul vissuto, del dialogo, della musica. Si riparte con progetti ampi e concreti, primo fra tutti United World Project: se la fraternità comincia a farsi strada nella vita di singoli e di gruppi, ma anche nell’economia, nella politica, nella comunicazione, nell’arte, si può farsene promotori, sostenitori, rilevatori. Aperto alla più ampia collaborazione, UWP, prevede la costituzione di un Osservatorio internazionale permanente, riconosciuto dall’ONU, che dovrà monitorare e far conoscere, in tutto il mondo, le esperienze di fraternità messe in atto da singoli, gruppi e istituzioni. E poi Sharing with Africa, spazio di scambio di esperienze, progetti, microrealizzazioni, sfide, tra i giovani africani e con quelli degli altri continenti, oppure il corso internazionale dal titolo Towards a Bridging Economy: Verso una economia che costruisce ponti” nell’orizzonte dell’Economia di Comunione, in programma in Portogallo a metà settembre, a cui sono già iscritti 80 giovani, studenti e imprenditori, provenienti da 22 paesi di 4 continenti.

Dopo le precedenti edizioni che si sono svolte in Italia - Loppiano (FI) e Roma - la scelta per il Genfest 2012 è caduta su Budapest, una città che nella storia si è dimostrata essere ponte simbolico tra Est e Ovest d'Europa. La Sport Aréna della capitale magiara e i ponti che sovrastano il Danubio sono le location principali dove si svolgeranno incontri, concerti, mostre e spettacoli. Circa un terzo dei presenti a Budapest provengono dai Paesi dell’Europa Orientale.

Per l'organizzazione dell’evento sono dispiegati oltre 3.000 volontari e 600 sono gli attori, i tecnici e i membri dello staff, giovani e adulti che da tutti i continenti hanno lavorato in rete. Il Genfest 2012 avrà traduzioni simultanee in 27 lingue. Il Genfest si autofinanzia: la maggiore parte dei partecipanti copre autonomamente le proprie spese di viaggio e alloggio, oltre a dare un contributo alle spese generali, anche grazie alla campagna GENerosity che ha attivato diversi canali di fundraising, ma il vero sostegno del progetto è la comunione dei beni mondiale che ha reso possibile la partecipazione anche di ragazzi che in vari Paesi del mondo vivono in situazioni di svantaggio economico. Il Genfest 2012 ha ottenuto il Patrocinio dalle istituzioni ungheresi e da diverse istituzioni internazionali, tra cui l'UNESCO (con la presenza a Budapest di Katalin Bogyay (presidente della Conferenza Generale dell’UNESCO), la Commissione Europea, la Conferenza Episcopale Ungherese, la città di Budapest. La Presidenza della Repubblica italiana ha aderito alla manifestazione con la concessione di una speciale medaglia. Papa Benedetto XVI, ha fatto giungere ai giovani del Genfest un suo messaggio augurale, a firma del Segretario di Stato.

GenfestPress - www.genfest.org/pressindex - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Contatti stampa

PAOLO CREPAZ
mail paolo.crepaz@tiscali.it
      cell. 335 5950950

Newsletter

Informativa privacy
Joomla : www.trentoardente.it
Not id article

Biblioteca

 

MAESTRI DELLA FEDE - Chiara Lubich

Maestri della Fede - Chiara Lubich

Mondadori, 2019

 

 

La Chiesa

Chiara Lubich 
La Chiesa
Città Nuova, 2018

 

 

Franco De Battaglia
A Trento con Chiara Lubich. Le parole dei luoghi.
Il Margine, 2011