Questo sito utilizza i cookie

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere l'informativa cliccando su "Maggiori Informazioni".
Cliccando sul pulsante "Accetto" date il consenso all'utilizzo dei cookie.

+ - reset
int_rete.jpg

Informativa Privacy Newsletter

Stampa

Privacy

 www.trentoardente.it

INFORMAZIONI SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

degli utenti che consultano il sito web del Centro Culturale Trentuno Onlus per la protezione dei dati personali ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679  

PERCHÉ QUESTO AVVISO

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Si tratta di un’informativa che è resa in materia di privacy ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito "Regolamento" o “GDPR”) a coloro che interagiscono con i servizi web del Centro Culturale Trentuno Onlus, accessibili per via telematica a partire dall’indirizzo: http://www.trentoardente.it corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale di Trentoardente.

L’Informativa, in particolare, riguarda esclusivamente il sito ufficiale di Trentoardente: pertanto non riguarda eventuali altri siti raggiungibili dall’utente tramite i link presenti sullo stesso.

IL “TITOLARE” DEL TRATTAMENTO

Il “titolare” del loro trattamento – ovvero la persona giuridica che determina le finalità e i mezzi di trattamento dei dati personali- è il Centro Culturale Trentuno Onlus con sede legale in Trento (TN – Italia), 38121 - Corso 3 Novembre, 46.

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) è il Presidente pro-tempore del Centro Culturale Trentuno Onlus.

 

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso i server della società Aruba S.p.A. nella webfarm di Arezzo e sono curati solo da personale tecnico incaricato dal titolare del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione, sotto l’autorità diretta del titolare del trattamento.

Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.

I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (risposte a quesiti, newsletter, notifiche, ecc.) sono utilizzati al solo fine di rispondere alla richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario per obblighi di legge.

TIPI DI DATI TRATTATI

Trattiamo due tipi di dati:

– dati di navigazione che raccogliamo automaticamente

– dati forniti dall’utente

In particolare:

Dati di navigazione


I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.

In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

 

COOKIES

In questo sito web vengono utilizzati diversi tipi di “cookies” (piccoli file di testo salvati sul dispositivo dell’utente). L’uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente) è strettamente limitato per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.

I cookies di sessione non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente. Di seguito è riportata l’informativa estesa sui cookies utilizzati in questo sito web.

Le impostazioni del browser possono essere configurate in modo tale da bloccare i cookies o che il sistema informi l’utente quando un sito web intende eseguire l’impostazione di un cookie. Tuttavia è importante essere consapevoli che il blocco dei cookies potrebbe impedire all’utente di utilizzare tutte le funzioni del questo sito web.

L’uso di cosiddetti cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.

I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.

 

PERIODO DI CONSERVAZIONE DEI DATI

Salvo che per i dati forniti volontariamente dall’utente per specifici servizi, per i quali saranno rese specifiche informative, le informazioni relative alla navigazione verranno conservate al massimo per quattordici mesi successivi alla raccolta; salvo il caso in cui debbano essere utilizzate per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici a danno del sito; in questo caso le informazioni verranno tenute a disposizione dell’Autorità per il tempo necessario a garantire al Centro Culturale Trentuno Onlus l’esercizio dei propri diritti di difesa.

 

FINALITÀ E BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta al Centro Culturale Trentuno Onlus o comunque indicati in contatti con le sue diverse espressioni per sollecitare l’invio di materiale informativo o altro. Essi saranno conosciuti da dipendenti e collaboratori del Centro Culturale Trentuno Onlus, debitamente istruiti circa le cautele e garanzie da adottare nel trattamento delle informazioni in questione come richiesto dalla Normativa Applicabile.

Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.

 

MODALITA’ DEL TRATTAMENTO

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

In ragione poi del consenso espresso dall’utente, ove richiesto in ragione di servizi specifici, è possibile che lo stesso sia contattato via e-mail, sms, o attraverso ogni strumento elettronico equivalente oppure a mezzo posta cartacea o chiamata tramite operatore a tutti i recapiti forniti. Ove prediliga essere contattato solo ad uno o alcuni di tali recapiti, ne potrà fare espressa richiesta mediante modulo reperibile nella sezione apposita cui il servizio attiene.

Il sito è dotato di un sistema di notifiche attraverso il quale l’utente potrà scegliere i contenuti di suo interesse, erogate attraverso email, applicazioni di messaggistica (Facebook-Messenger) e browser (Chrome, Firefox, Opera, Edge, Android IOS, Windows, ecc.).  Il servizio di abbonamento al sistema di notifiche con la modalità email avviene su richiesta dell’utente ed è sul sito, non è dato in gestione a servizi terzi, quindi viene memorizzato e gestito sul server della società Aruba S.p.A. nella webfarm di Arezzo. Invece l’abbonamento attraverso applicazioni di messaggistica e browser avviene secondo le rispettive regole e privacy policy del canale scelto dall’utente.

Il form per registrarsi al sistema che prevede l’invio della newsletter si trova nella colonna di destra della “Homepage”. I dati vengono registrati solamente sul sito e gestiti sul sito. La spedizione delle email avviene tramite un SMTP di proprietà di Aruba S.p.A.. Se su browser o su applicazione di messaggistica avviene tramite su quella scelta dall’utente.

Ad ogni invio di un’email con delle notifiche, l’utente è libero di chiedere la cancellazione dell’iscrizione attraverso il footer collocato nell’email, dove è scritto: “Se hai ricevuto erroneamente questo messaggio e non sei interessato: cancella l’iscrizione” o simile. Per disattivare le notifiche sul browser l’utente deve andare sul menu e disattivare le notifiche. Invece per le applicazioni di messaggistica all’utente basterà inviare il messaggio “stop notifiche” nella chat.

 

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

La Normativa Applicabile riconosce agli utenti una serie di diritti tra cui, a mero titolo esemplificativo, il diritto:

(i) di accedere ai propri Dati Personali

(ii) di chiederne la rettifica

(iii) l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge

(iv) di chiedere che il trattamento sia limitato ad una parte delle informazioni che li riguardano

(v) di trasmettere agli stessi o a terzi da questi indicati le informazioni che la riguardano (c.d. “portabilità dei dati”)

(vi) di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi

(vii) di revocare il proprio consenso in qualsiasi momento mediante richiesta scritta rivolta senza formalità al  Centro Culturale Trentuno Onlus  ai contatti indicati.

IlCentro Culturale Trentuno Onlus ricorda che, laddove il riscontro alle richieste non possa essere stato considerato soddisfacente, l’utente potrà rivolgersi e proporre reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali (www.garanteprivacy.it) nei modi previsti dalla Normativa Applicabile.

 

FORNITURA DEL RISCONTRO ALLE RICHIESTE DELL’INTERESSATO E RECAPITI 
IlCentro Culturale Trentuno Onlus  svolge, inoltre, funzioni di responsabile del trattamento, anche ai fini del riscontro da fornire all’interessato per l’esercizio dei diritti di cui al Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”).

Al Centro Culturale Trentuno Onlus  è dunque possibile rivolgersi per ogni richiesta, chiarimento o riscontro sull’applicazione della normativa in materia di protezione dei dati personali e per il concreto esercizio dei diritti dell’interessato, meglio indicati nel precedente paragrafo, anche nel caso in cui si renda necessario provvedere all’aggiornamento, alla modificazione, all’integrazione, alla correzione e/o alla cancellazione dei dati, come previsto dal dettato normativo o in relazione alla valutazione delle specifiche esigenze esplicitamente prospettate dall’interessato.

A tal fine, per agevolare l’interessato nell’esercizio dei propri diritti e nell’interazione con il Centro Culturale Trentuno Onlus, si forniscono i seguenti recapiti a cui rivolgersi in caso di reclami:  indirizzo e-mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Centro Culturale Trentuno Onlus –38121 Trento (TN – Italia), Corso 3 Novembre, 46.

Informativa estesa sui Cookies

Stampa

 

Informativa estesa sui cookies

Informativa in materia di privacy e trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003 (“Codice Privacy”) articoli 13, 23 e 26; del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”) e del Provv.to dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali n. 229 dell’08 maggio 2014.

I cookies sono costituiti da porzioni di codice memorizzate all’interno del pc tramite browser (installate all’interno del browser) che assistono questo sito web nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei cookies potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell’utente.

Cookies tecnici e di statistica aggregata

I cookies tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I cookies tecnici utilizzati da questo sito web possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

  • Cookies di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’utente;

  • Cookies analytics, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
  • Cookies di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali cookies non necessitano del preventivo consenso dell’utente per essere installati ed utilizzati.

Il sito utilizza anche cookies c.d. analitici di terze parti (ad esempio, Google-Analytics) che secondo la normativa applicabile, non hanno bisogno del consenso dell’utente in quanto il Centro Culturale Trentuno Onlusha (i) adottato idonei strumenti in grado di ridurre il c.d. “potere identificativo” di questi cookies e (ii) sottoscritto specifici accordi con le terze parti che si sono impegnate ad utilizzare le informazioni raccolte solo al fine di fornire alCentro Culturale Trentuno Onlus informazioni statistiche sull’utilizzo del sito.

Periodo di conservazione dei dati

Le informazioni raccolte tramite i cookies installati sul sito verranno conservate nel rispetto di quanto indicato alla “Privacy Policy”, reperibile al seguente link.

Altre tipologie di cookies o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell’utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l’ausilio di terzi.

I social buttons sono i pulsanti presenti sul sito che raffigurano le icone di social network e consentono all’utente che sta navigando di interagire con un “click” direttamente con le piattaforme social. I social buttons utilizzati sul sito sono dei link che rinviano agli account di www.trentoardente.it sui social network raffigurati.

Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del titolare di questo sito web – compiere attività di tracciamento dell’utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

SOLUZIONE

CATEGORIA

PROVIDER

INDIRIZZO

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Facebook Connect

Social Widget

Facebook Inc.

1601 S. California Ave
Palo Alto – CA94304
USA

https://www.facebook.com/about/privacy

Facebook Social Plugins

Social Widget

Facebook Inc.

1601 S. California Ave
Palo Alto – CA94304
USA

https://www.facebook.com/about/privacy

Google Adwords

Targeting/Advertising

Google Inc.

1600 Amphitheatre Parkway
Mountain View – CA94043
USA

http://www.google.com/policies

Google Analytics

Targeting/Advertising

Google Inc.

1600 Amphitheatre Parkway
Mountain View – CA94043
USA

http://www.google.com/policies

Google Tag Manager

Targeting/Advertising

Google Inc.

1600 Amphitheatre Parkway
Mountain View – CA94043
USA

http://www.google.com/policies

Google+

Social Widget

Google Inc.

1600 Amphitheatre Parkway
Mountain View – CA94043
USA

http://www.google.com/policies

Gravatar

Social Widget

Automattic, Inc.

132 Hawthorne Street
San Francisco – CA94107
USA

http://automattic.com/privacy

LinkedIn Widgets

Social Widget

LinkedIn Corporation

2029 Stierlin Court
Mountain View – CA94043
USA

http://www.linkedin.com/legal/privacy-policy

Pinterest

Social Widget

Pinterest

572 7th Street
San Francisco – CA94107
USA

http://about.pinterest.com/privacy-policy

Twitter

 

 

Social Widget

Twitter, Inc.

795 Folsom St., Suite 600
San Francisco – CA94107
USA

https://about.twitter.com/privacy

Vimeo

Social Widget

 

Vimeo, LLC
555 West 18th Street
New York, New York 10011

https://vimeo.com/privacy

WordPress Stats

Targeting/Advertising

Automattic, Inc.

60 29th Street, #343
San Francisco – CA94110-4929
USA

http://wordpress.org/about/privacy

 

 

 

 

 

 

Utilizzo da parte di minori

Gli utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l’installazione di Cookies?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l’utente può gestire le preferenze relative ai cookies direttamente all’interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i cookies installati in passato, incluso il cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all’installazione di cookies da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i cookies, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i cookies nel tuo browser ai seguenti indirizzi:

In caso di servizi erogati da terze parti, l’utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di opt out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.

Fermo restando quanto precede, si informa che l’utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Pertanto, si consiglia agli utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Diritti riconosciuti

Per ogni informazione relativa ai diritti riconosciuti agli utenti dalla normativa in materia di protezione dei dati personali, si rinvia alla “Privacy Policy”, reperibileal seguente link.

Titolare del Trattamento dei Dati

Il “titolare” del loro trattamento è il Centro Culturale Trentuno Onlus con sede legale in Trento (TN – Italia), 38121 - Corso 3 Novembre, 46.

Responsabile della protezione dei dati

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) è il Presidente pro-tempore del Centro Culturale Trentuno Onlus raggiungibile al seguente indirizzo: Responsabile della Protezione dei dati personali, Centro Culturale Trentuno Onlus – 38121 Trento (TN – Italia), Corso 3 Novembre, 46. (TN-Italia), email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Dal momento che l’installazione di cookies e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all’interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a cookies e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, ecc.) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Città Nuova

Stampa

Città Nuova

Città Nuova  
mensile di opinione

Città Nuova Abbonamento

dadi

Stampa




 

Conferma registrazione newsletter

Stampa

Registrazione effettuata con successo. Buona navigazione!

Schede

Stampa



INSIEME PER L'EUROPA 2012

 Scheda Eventi locali Insieme per l'Europa 2012

 Scheda Fondatori Insieme per l'Europa

 





 

La mia fame spariva nel vedere la loro gioia

Stampa

MARILEN - MARIA ELENA HOLZHAUSER  (1924-1986)

 

A me sono state affidate due famiglie. Non si trattava di fare loro la carità, o di andarle a visitare portando una busta di denaro. Si trattava di risolvere radicalmente la loro situazione e portarle almeno ad un livello di autosufficienza.

Una famiglia era composta da cinque persone: il papà, ammalato e quindi senza lavoro, la mamma e tre bambini in una casa quasi priva di mobilio. Con altre tre ragazze della comunità abbiamo deciso il da farsi. Il papà, che era sempre seduto in un angolo della cucina, l'abbiamo affidato a un medico, che l'ha curato e l'ha portato a rendersi utile in casa; per la mamma è stato trovato un lavoro presso un dentista; i bambini, che a scuola faticavano, sono stati seguiti da una di noi, al pomeriggio, nel fare i compiti; nella cantina di casa mia ho trovato un vecchio mobile per la cucina, ancora in buono stato: rimesso a nuovo, è servito a sistemare la cucina, che per loro fungeva anche da soggiorno. Dopo qualche mese quella famiglia non ebbe più bisogno di essere aiutata, si era risollevata completamente, era economicamente indipendente e parte viva della comunità.

L'altra famiglia a me affidata era francese: una mamma vedova con tre bambine. Non c'era niente in casa per mangiare, ma sul tavolo la radio era sempre accesa. La cosa mi faceva un certo effetto, consideravo la radio una spesa inutile. Ma non si poteva giudicare: il povero era Gesù! Quel povero era privo di tutto... aveva solo una radio per non sentire la tristezza della povertà e la solitudine in una terra straniera.
Andavo da loro quasi ogni giorno. Erano sempre sole: la mamma mi accoglieva con le lacrime agli occhi e le bambine sembrava aspettassero solo quel momento. Portavo quello che riuscivo a raccogliere, oppure il mio pezzo di formaggio o di dolce. La mia fame spariva veramente quando vedevo la gioia di quelle bambine. Il rapporto che si stabiliva con loro mi faceva vedere che la comunione di tutti i beni, materiali e spirituali, era possibile. Avevo sempre sofferto per l'indigenza degli altri e per l'incapacità di trovare una soluzione ad essa. Ora si era accesa nel mio cuore la speranza!

Capivo le parole di Chiara: "Dio è Padre. Sulla terra ha messo da mangiare e da vestire a sufficienza per tutti i suoi figli. Se ci volessimo bene, tutto sarebbe risolto".
Quella piccola cerchia di persone di ogni età e condizione me lo confermava. Ora bastava allargarla, far capire a tutti che il povero è Gesù e trattarlo come tale.

 

da: "Marilen - semplicemente vivere" a cura di Ilaria Pedrini - Città Nuova Editrice, Roma 2000, pag 35-36

 

Made in Loppiano

Stampa

Made in Loppiano

www.madeinloppiano.com

Numero Verde 800066264 

Email   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Come ho conosciuto Chiara

Stampa

IOLANDA DUCCIA CALDERARI  (1911-2009)

 

Devo dirvi come ho conosciuto Chiara e gli inizi del Movimento, quando non era ancora tale... ma per noi tutti era "l'Ideale". Andiamo molto indietro nel tempo, al '43-'44.
A Trento c'era la guerra. Subito dopo il primo bombardamento sulla città, c'erano state molte rovine, morti e anche tanti feriti. Essendo infermiera della Croce Rossa, sentii mio dovere di presentarmi subito in ospedale: c'era bisogno di molto aiuto e vi rimasi a servizio nei rifugi, fino alla fine delle ostilità.

Fu in occasione di una sirena d’allarme, che uscendo di casa per correre nel rifugio, sono impressionata, stupita, dal comportamento strano, inconsueto, di un gruppo di ragazze, al di là della strada. Anziché pensare di mettersi in salvo, come facevamo noi - perché, fra il resto, molte volte, quando suonava la sirena di allarme, avevamo già sulla testa gli apparecchi – queste, durante il tragitto si soffermavano a dare aiuto a persone nel bisogno: prendevano sotto braccio vecchine incapaci di correre, oppure soccorrevano una mamma con quattro o cinque bambini... Rimango così impressionata da questa carità, diciamo, eroica, sprezzante del pericolo, che mi riprometto subito di prendere contatto con loro. tanto più che in mezzo ad esse, avevo riconosciuto Chiara, che mi era stata presentata alcuni giorni prima.

Infatti, nel reparto ospedaliero dove lavoravo, c'era un giovane studente medico, il quale mi aveva confidato: “Fare il medico non è il mio solo lavoro, ho anche un'attività di carattere politico-sociale, ma clandestina”. E a quell’attività ben presto mi aggregai anch'io. In quell'epoca la nostra città era invasa dalle S.S...

Un giorno il mio amico medico mi confida: “Ho una sorella che amo e stimo molto, vorrei presentartela… Vedi un po' se riesci ad attirarla alla nostra causa”. Me la fa conoscere: era una ragazza giovane, semplice, però subito avevo notato in lei una personalità molto dignitosa, ed ero rimasta impressionata dal suo sguardo tutto interiore. Mi ascolta fino in fondo, poi mi dice: “Il vostro ideale è molto bello, però non posso dirvi di aderire subito, perché appartengo all'Azione Cattolica e devo chiedere il permesso alla mia presidente”. Così l’avevo conosciuto e adesso me la trovavo di fronte a casa mia.

Dopo una prima visita, confesso che quasi quotidianamente andavo a trovare queste mie nuove compagne, diventate subito amiche. Loro abitavano in un appartamentino molto piccolo, arredato rudimentalmente: una fila di brandine, un grande tavolo e alcune sedie, alle pareti un solo quadro, raffigurante il volto straziato di Gesù morente. Avevo subito capito che quell'immagine era il loro Amore, il loro tutto, il loro scopo, la loro vita.

Mi accoglievano sempre festosamente, nella gioia, anche se fuori infuriava la guerra. Ma io ero soprattutto attirata dal fatto che mi mettevano al corrente di quello che leggevano nel vangelo. Il vangelo, dunque. Ma io lo conoscevo? Forse, vi confesso, non lo avevo mai letto. E' ben vero che la domenica in chiesa un sacerdote ne leggeva un brano che poi commentava: le persone più devote ne avrebbero riportato dei buoni propositi, che sarebbero poi durati due, tre giorni, ma tutto finiva lì. Queste ragazze, invece, mi accorgevo, non solo lo leggevano, non solo lo commentavano, ma immediatamente lo mettevano in pratica frase per frase, alla lettera, senza annacquamenti, senza attribuzioni. Questa era la novità, era ciò che mi affascinava.

Un giorno Chiara mi accoglie più festosamente del solito: “Senti che cosa abbiamo letto nel vangelo: ‘Vi do un comandamento nuovo, amatevi gli uni gli altri, come io ho amato voi’ - poi continua - E' quel ‘come’ che ci dà la misura, Gesù come ci ha amati? Donando la vita per noi”. Vi fu un silenzio generale, poi a un certo punto una vocina alla mia sinistra, una di loro: “Ma io sono pronta sai a donare la mia vita per te!”. Poi alla mia destra un'altra: “Ma io sono pronta sai a morire per te!”. “E tu?” “E tu?” “E tu?”. Tutte eravamo pronte a donare la vita una per l'altra.

Si presenta alla “casetta” (non esisteva ancora il nome “focolare”) un povero a chiedere l'elemosina. Esse lo accolgono e aprono la loro piccola dispensa. Si ricordavano di aver letto nel vangelo: "Tutto ciò che avrete fatto al minimo dei miei fratelli, l’avrete fatto a me". Donano al povero, quindi, tutto quello che avevano trovato nella dispensa. E dico “tutto”, al rischio di restare loro stesse senza pranzo o senza cena. Questo, però, non avveniva mai: prima della sera arrivava sempre qualcuno: compagne, amici, conoscenti, a portare viveri in abbondanza. Eh sì, il vangelo lo dice: "Date e vi sarà dato". Esse applicavano alla lettera la parola del vangelo ed Egli, Gesù, attuava alla lettera le sue promesse.

E quando non avevano proprio niente da donare ai poveri, avevano letto nel vangelo: "Chiedete ed otterrete". E arrivavano subito dei barattoli con latte in polvere, marmellate, legumi, ortaggi… Legumi e ortaggi arrivavano pure a me ed io li portavo subito alla ‘casetta’. Era necessario, perché in quel periodo, in seguito a un bombardamento che aveva colpito un’ala dell’Ospedale, non essendo più sicuro, avevano trasportato attrezzature e ammalati all’Ospedale di Pergine e io ero stata inviata in servizio al rifugio di San Martino.

San Martino era una zona molto a rischio perché in linea d’aria vicinissima alla rete ferroviaria, che era continuamente bombardata. Naturalmente anche qualche casa veniva colpita, per cui molte famiglie rimanevano senza tetto e, chi non aveva parenti o amici nei paesini vicini a cui chiedere asilo e ospitalità, era stato costretto a portare una brandina nel rifugio e viverci dentro giorno e notte. Io allora, a mezzogiorno, uscivo dal rifugio e andavo alla “casetta” dove, con i legumi e le verdure avevano preparato un abbondante minestrone in un grande tegame a due braccia. Per cui aiutata sempre da qualcuno lo portavo nel rifugio, e così potevo offrire a tutti quegli affamati una porzione di minestra calda.

Insomma, queste mie compagne donavano proprio tutto. E come dovevamo comportarci noi, desiderose di imitarle nel loro modo di vivere, affascinate pure noi dalla Parola del Vangelo?

Per prima cosa, sarebbe stato bene liberarci di tutto quello che ritenevamo superfluo. Che me ne facevo io di una pelliccia, oppure della racchetta da tennis, di una collezione di francobolli, un braccialetto d’oro…? Era bene vendere tutto questo per mettere il ricavato in comune. Guardavamo con ammirazione e desiderio a quella prima comunità cristiana in cui tutti i beni venivano messi in comune per cui nessuno si trovava nell’indigenza e dove c’era un cuor solo ed un’anima sola.

Un giorno un mio zio mi porta un paio di scarpe troppo strette per lui. “Potranno servire a un tuo povero”. Corro nella “casetta”, ma quella mattina non trovo nessuna delle mie compagne. Metto sotto il braccio il pacchetto e mi dirigo verso l’Ospedale dove lavoro. Durante il tragitto incontro proprio Chiara che usciva dalla chiesetta di Santa Chiara. “Proprio te, Chiara – le dico – ho un paio di scarpe per uno dei tuoi poveri”. “Ci volevano proprio – mi risponde –. Mi sai dire il numero?”. “Certo, portano il numero 42”. “Proprio quelle di cui avevo bisogno!”, esclama con gioia. Io ero ignara di tutto: non sapevo che, la sera prima, un povero aveva chiesto a Chiara un paio di scarpe di quel preciso numero. Chiara, mossa dall’amore, gliele promette. E in quella chiesina si era rivolta con grande fede al Crocefisso: “Gesù, ho bisogno di un paio di scarpe da uomo, numero 42, per Te nel povero”. Uscendo aveva trovato me che le offrivo proprio quanto aveva appena chiesto! Il Signore mi aveva usata come strumento per esaudire la preghiera di Chiara.

Per la mia attività clandestina e patriottica una volta in settimana io mi dovevo recare a Bolzano, dove c’era il Command Entour. Nelle carceri avevamo anche dei nostri compagni. Io normalmente portavo in un posto indicato e da noi ben conosciuto dei viveri per questi carcerati e anche degli indumenti di lana, soprattutto per le persone nel campo di concentramento, perché sapevo che soffrivano il freddo. Inoltre vi andavo per assumere informazioni. Dovevo essere a conoscenza per poi comunicarlo ai miei compagni, se qualcuno dei nostri amici prigionieri, sotto le torture, avessero pronunciato dei nomi. In questo caso, tornando a Trento, avrei dovuto riferirlo alle persone interessate, in modo che potessero sottrarsi alle ricerche delle SS.

Le prime volte mi recavo a Bolzano in bicicletta, poi avevo trovato un mezzo più semplice e meno faticoso. Mi fermavo ai margini della strada provinciale da dove passavano moltissimi camion tedeschi. Alzavo la mano, uno di questi si fermava, mi issavano a bordo con la mia mercanzia e mi facevano poi scendere nelle vicinanze di Piazza Walter, a Bolzano. Quando arrivavo, la piazza era immersa nel silenzio più assoluto: era un’ora in cui generalmente sorvolavano gli aerei e le persone preferivano trovarsi nelle case perché più vicini ai rifugi.

Dunque io dovevo attraversare questa piazza. Il silenzio era il più assoluto: sentivo soltanto il ticchettio dei miei tacchi sul selciato. E mentre l’attraversavo ripensavo a quel brano bellissimo, evangelico, che avevamo letto insieme a Chiara, sul giudizio finale: “Avevo fame, e mi hai dato da mangiare, avevo sete e mi hai dissetato, ero in carcere e sei venuto a visitarmi…”. Pensavo ancora: io avevo cercato di attirare Chiara alla nostra causa politico-sociale, essa invece aveva conquistato me.

E come vedete sono ancora qui!

 

Progetto Trento ardente

Stampa

 

Nel giugno 2OO1 Chiara torna a visitare la città natale e incontra politici, uomini di cultura, aderenti ai movimenti ecclesiali, imprenditori, comuni cittadini.

E’ a contatto con la città, nella componente civile ed ecclesiale;. che sente l'urgenza di comunicare un sogno coltivato da sempre, anche girando il mondo: vedere la sua città natale "ardente", vederla modello di fraternità. Un progetto che precisa: “Trento ha già tanto, se non tutto ciò che può desiderare una città moderna: un popolo coeso; ha le strutture civili e religiose necessarie alla sua vita. Forse le si potrebbe offrire qualcosa per renderla più bella ancora, più viva, più ospitale, più una, più modello di convivenza».

Anche perché quanti visitano Trento a causa del Movimento “possano vedere non solo luoghi, cose e testimonianze significative di quei primi tempi, ma trovare una città "ardente" dell'amore vero per una spiritualità di comunione vissuta da tutti. Una città che potrebbe mostrare e gridare come sarebbe il mondo se tutti vivessero il vangelo”.

Alla fine del soggiorno trentino l'operazione "Trento ardente" si delinea. Chiara ne comunica i dettagli a tutti i membri del Movimento, primi suoi interlocutori, ma non solo. Accanto a lei siedono sindaco e vicario episcopale per i laici, a testimoniare che è un progetto affidato anche alla città tutta. Si tratta di una realtà nuova con un auspicio: “un avvicinamento della mia città al disegno che Dio ha su di essa”.

Questo a Trento, città natale del carisma dell’unità, a cui la storia nei secoli ha anche consegnato una particolare vocazione di "città ponte", Ma nel suo percorrere il mondo, Chiara ha intravisto, quasi carpito una particolare “missione" in altre città, operazioni con aggettivi pieni di fascino: "RomaAmor" per la città eterna, i cui prodromi risalgono al'49, quando, camminando per le sue strade ricordava la testimonianza dei primi cristiani e la sognava tutta rinnovata dal Vangelo: “Lasciando vivere Dio in me e lasciandolo amarsi nei nei fratelli... il Fuoco si diffonderebbe in un baleno per Roma a risuscitarvi i cristiani e a fare di quest'epoca… l’'epoca di Dio».

Operazioni analoghe: "Fontem Regale", nel cuore della foresta camerunese tra popoli, prevalentemente' di religione animista; "Washington, per la fratellanza universale” per il dialogo interrazziale e interreligioso; "Praga d’Oro”, nella capltale mitteleuropea' E poi Genova' Londra e altre ancora.

Quale il loro senso? L’importanza di amare la propria città fino ad informarla tutta di fraternità' All'inizio “con le mie compagne avevamo preso di mira Trento: la volevamo trasformare anche dal punto di vista sociale' E qualcosa dovevamo aver fatto se dei comunisti sono venuti a chiedermi il segreto. La amavo con un amore particolare, come se il mondo fosse tutto lì… conoscevo Trento e i suoi quartieri e ciò aiutava molto per sapere come orientarsi e chi aiutare».

Amare, conoscere,  intervenire, trasformare. Tutto qui? No, l’obiettivo finale di queste operazioni nelle città è "offrire lo spettacolo di gente che ama, di gente che si ama». Con una precisa strategia: avvicinare le persone nei propri ambienti: i bambini negli asili, i giovani nell'università, le famiglie nei condomini, i colleghi negli ambienti di lavoro. Portarvi un amore personale, che va fino in fondo, che ama tutti, si fa uno. Esserne dei testimoni, prima.

Secondo, appuntamento per quanti lo desiderino all’incontro periodico, costitutivo dell'operazione, dove l’annuncio si fa esplicito con contenuti e testimonianze concrete di quella spiritualità di comunione che ha in sé il Dna della fratellanza universale.

Giovanni Paolo II non ha esitato a additare il nostro tempo come bisognoso di una nuova evangelizzazione, di un annuncio rinnovato del Vangelo, aggiungendo che “non può essere coerente né efficace se non accompagnato da una robusta spiritualità di comunione"'.

Le esperienze prodotte dalle operazioni in corso sono segno che la cultura della fraternità si fa strada nelle scuole tra bambini, insegnanti e genitori' penetra nelle famiglie, crea delle reti tra associazioni, unisce cittadini e istituzioni, anima i quartieri, solleva ambienti di sofferenza. E’ una realtà che trasversalmente unisce la città, destinata ad infittirsi e a restituirle un'anima.

Il dado dell'amore presentazione

Stampa

Il dado dell'amore  riporta sei frasi importanti da mettere in pratica per diventare costruttori di fraternità, di pace.

E’ semplice: leggi la frase scritta sulla faccia che ti appare.
Cerca di ricordartela e di viverla durante il giorno. Al tramonto, il mondo sarà un po' più in pace e l'avrai costruita anche dentro di te.
Provare per credere.


Funziona? Se vuoi puoi scrivercelo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

 

costruisci dado

Stampa


per costruirti il dado clicca sulla lingua desiderata e stampa l'immagine su un cartoncino leggero.

           

5xmille

Stampa

Centro Culturale TrentUno